Fazametastaza

Il mio blog

08.04.2006.

Super Sporcacciona!

Dopo una delle nostre solite litigate, il mio ragazzo mia ha soprannominata S.S. per la mia cattiveria e rigidità. A differenza del titolo di questo racconto, S.S. sta per Schutzstaffeln ossia le spietate “squadre di protezione” naziste.
Così irritata per questa affermazione sono rimasta in silenzio per tutta la cena nonostante i suoi tentativi di rabbonirmi.
La mia era una vera e propria strategia, ma lui certo non poteva saperlo. E già si aspettava non solo di non uscire con me ma quel che è peggio di dover dormire sul divano senza il “dessert”.
Finita la cena, con la faccia incazzata gli ho detto: -visto che sono così disumana stasera li lavi tu quelle cazzo di stoviglie! E non venire a cercarmi che mi hai proprio rotto!-
Sono uscita dalla sala da pranzo e mi sono diretta in salotto. Sapevo con quale espressione triste me lo sarei ritrovata dopo. Il mio boy non riesce ad arrabbiarsi davvero con me e quando io tengo il broncio e sono davvero cattiva con lui sta male fin quando riesce ad ottenere una carezza ed un sorriso (nonostante molte volte sia io ad avere torto).
Ma di certo non era stata una gran litigata e io volevo solo fare la s.s. come si doveva... . Non vedevo l’ora finisse il lavoretto assegnatoli.
Arrivato in salotto la sua espressione si è fatta ancora più cupa vedendo che non avevo nemmeno acceso la televisione. Credo abbia pensato che fossi davvero nera.
Così stava per sedersi accanto a me ma con i piedi gli ho impedito di farlo e con tono autorevole: -sporco ebreo, non crederai mica di sederti sul divano! A terra!-
Cominciava a capire il mio giochetto e con i tratti del viso più rilassato mi ha detto all’orecchio: -mi fai paura!-. Ho ridacchiato eccitata per quello che sarebbe successo. Lui intanto si è seduto a terra. Ho spalancato le gambe davanti a lui, alzando la gonna del mio vestito. Afferrata la sua testa, mi sono avvicinata di più al bordo del divano e poi: -Lecca ebreo!-
Fremevo mentre la sua lingua ripassava tutta la mia fica e sussultavo quando si soffermava a succhiare la clitoride.
-Mmmmmmm!- mugolavo e lui si eccitava e mi guardava divertito. Stava prendendo troppa confidenza, il mio giochetto non era ancora finito. Mi scosto e lo guardo dura: -alzati ebreo- lui esegue i miei ordini - togliti i pantaloni! Togliti la camicia! Togliti gli slip!-. Rimane nudo, la sua asta rigida. Alzandomi- adesso toglimi il vestito!- Lo eccitavo, così di splalle e così vicina. Mi ha tolto il vestito e mi ha accarezzata, poi si è avvicinato al mio collo per baciarmi. Mi sono scostata bruscamente: -Nein!- e l’ho schiaffeggiato. Nonostante l’affronto i suoi occhi mi osservavano languidi. -Stenditi sul pavimento!- Il contatto del pavimento sulla pelle lo ha fatto irrigidire, ma appena gli sono montata sopra si è rilassato. Nella posizione 69 lui leccava me e io lo prendevo duro e grosso tutto in bocca. Poi spostandomi l’ho cavalcato di schiena. Mi ha preso per le natiche tenendomi un po’ sollevata e me l’ha trivellata di santa ragione. -Mmmmm! Gut! Bravo ebreo!- e poi - Ja! Ja! Ja!-. Mi piaceva da morire e la mia passera era completamente bagnata. Stavo per venire così si è avvicinato, portandosi a sedere. Adesso si lasciava montare. E mentre mi sbattevo sopra di lui, accarezzandogli i capelli, lui mi palpava i seni, mi toccava la clitoride e mi leccava, baciava il collo, l’orecchio fino a farmi venire. Il mio orgasmo lo eccitò ancora di più, ma ancora non era venuto. Feci uscire da dentro di me il suo uccello enorme e marmoreo e mi strusciai la cappella su tutta la figa, godendo come si deve. Stava per prendermi e con uno scatto mi sono liberata dalla sua presa. Allontanandomi verso le scale a passo veloce urlai: -Ebreo! La guerra è finita!- e lui mentre si alzava per seguirmi: - e l’ebreo si prende la rivincita?!- ormai lontana dalla visuale - Può darsi! Intanto la S.S. se la svigna!-. Mi raggiunge in camera e mi fissa molto voglioso: - che vuoi fare, guarda che strillo!- e lui: -Vieni qua S.S.!- . Mi acciuffa tra le risate, mi sbatte sul letto. Mi metto alla pecorina e lo guardo attraverso lo specchio: è molto eccitato e già sento la mia passera bagnarsi di nuovo. La sua stecca mi penetra forte e io gemo forte piena di voglia. Mi sculaccia: -adesso ci pensa l’ebreo a te, Super Sporcacciona- e mi infilza più volte. Sento le sue palle sbattermi sulla figa. Mi stantuffo la clitoride e gemo sempre più a voce alta mentre lui mi pizzica i capezzoli. Ci guardiamo dallo specchio, è così eccitato da farmi eccitare ancora di più. Ma me lo leva. Lo guardo stupita con una voglia pazzesca di venire. Ancora me la tocco, mentre lo guardo perplessa. Mi spalma qualcosa che ha tirato fuori dal suo comodino: è vasellina. Mi traffica dentro il culo con le dita: -Oh si amore!- e lui: -lo vuoi nel culo eh Super Sporcacciona!- -Si!Si!-... -No, no... S.S.! Come si dice? Dai che sei brava... mi piace!- -Mmmmm! Ja! Ja! Ja!- e me lo preme tutto dentro forte e mi sbatte fino a venire mentre io infilo le mie ditine nella fica e vengo con lui.


<< 07/2006 >>
nedponutosricetpetsub
01
02030405060708
09101112131415
16171819202122
23242526272829
3031


BLOG AMICI

FLASH
Un allegro addio al celibato, festeggiato al Pretty Kitty strip club, si è trasformato in una tragedia per il promesso sposo. Il trentaduenne Daniel Greene, che si stava godendo le attenzioni di una procacissima stripper, è stato soffocato dall' enorme seno della ragazza. Il locale era stato affittato per una festa privata. Secondo gli investigatori, Green si stava esibendo in una rovente lap dance, quando improvvisamente si è consumato l'inverosimile dramma: l'uomo, che aveva la faccia completamente sotterrata nella decima misura del seno della signorina Kandy Kane, ne è rimasto soffocato.

INTIMO

FLASH
Il tribunale di Cuyahoga Country si è trasformato in un palcoscenico ospitando la performace di una danzatrice. La ragazza testimoniava a favore del proprietario del bar dove si era esibita, accusato di oltraggio al pudore. Barbara McFarland, ballerina specializzata in strip-tease, ha voluto dimostrare alla corte che la danza era di carattere prettamente artistico.

DONNE


STATISTICHE
6705

Powered by Blogger.ba